martedì 20 novembre 2012

Otto Appunti dopo Inter-Cagliari


1. Se l’Inter ieri non ha portato a casa i tre punti è sicuramente per demerito nostro. Abbiamo trovato il vantaggio dopo pochi minuti e a quel punto la si poteva chiudere senza troppi patemi. Nel secondo tempo abbiamo attaccato in modo confusionario. E se Milito sbaglia certi gol…

2. E sono tre. Tre gare consecutive in cui ci capitano decisioni arbitrali discutibili a nostro sfavore. A Torino ci è andata bene, a Bergamo e ieri un po’ meno. Se due indizi fanno una prova, figuriamoci tre. Qualcuno è ancora convinto che sia una casualità?


3. Aldilà dell’episodio del rigore l’arbitraggio mi ha lasciato molto perplesso. Falli non fischiati, cartellini gialli non sventolati e un senso complessivo di inadeguatezza (sempre che si tratti di inadeguatezza).

4. Non siamo da scudetto. L’ho sempre detto. Anche quando vincevamo 8-10 gare di fila, anche quando abbiamo sbancato Torino. Non siamo da scudetto. Pesa ammetterlo ma credo proprio che sia così. Ci manca qualcosa.

5. Non amo in generale il silenzio stampa. Men che meno in questi casi. E’ proprio in questi casi che dobbiamo andare davanti ai microfoni e dire pane al pane e vino al vino. E uno Stramaccioni furioso mi sarebbe proprio piaciuto sentirlo.

6. Sui gol del Cagliari la nostra difesa non è stata impeccabile. In altre occasioni il nostro reparto difensivo è stato un muro invalicabile, ieri quel muro aveva qualche crepa.

7. Se ne parla sempre troppo poco. Samir Handanovic è un portiere straordinario. Anche ieri ha fatto un paio di parate eccezionali, da grande portiere. In Italia non ha eguali nel suo ruolo.

8. Ma è proprio necessario giocare sempre con il tridente d’attacco? E’ vero che avere quei tre davanti significa poter cambiare la partita da un momento all’altro ma è anche vero che ogni tanto un po’ di riposo (magari a turno) potrebbe fargli bene.
Entius

2 commenti:

  1. Pietro Domenico CHIACHIO5 febbraio 2013 12:38

    Sottoscrivo in pieno ma non piangiamoci addosso e costruiamo il futuro.

    RispondiElimina
  2. Ciao a tutti. D'accordissimo su tutto Entius. Una sola precisazione sul punto 8: era purtroppo necessario, viste tutte le assenze, a meno di non volere gettare nella mischia Duncan dall'inizio o Coutinho che senz'altro non ha ancora i 90 mn. nelle gambe. Per questo era importantissimo andare in vantaggio, magari doppio, e poi mettere un centrocampista in più a fare densità, e magari finire con una sola punta supportata da Cou. Purtroppo non ci siamo riusciti e la casta arbitrale ha fatto il resto...

    RispondiElimina