mercoledì 12 ottobre 2011

5 milioni di calci nel c......siamo tutti dei Rocchi?

Abbiamo sprecato fiumi di parole, per cercare di descrivere il marciume che regna sovrano in questo stato, così impregnato, come la muffa sui muri, che ti entra dentro anche se non vuoi.

E' il "così fan tutti" tanto caro a Moggi, tutti ladri uguale ladro anch'io, ma non colpevole se non c'è reato; e tu, tu che invece conservi un briciolo di onestà intellettuale e che speri, nella tua stupida innocenza, di poterla seminare e coltivare, non ti rendi conto che diventi marcio come e più degl'altri...le loro azioni e le loro parole, ti entrano dentro, come odori sui vestiti. Sembra un battere infestante come nel caso dei "morti viventi", ha il volto di Moggi, ma solo perchè parliamo di calcio, in realtà questo battere ha la capacità di trasformarsi ed adattarsi ad ogni ambiente e situazione, dalla politica, alla sanità, dritto dritto fino al più inutile degli argomenti, siamo noi, è l'Italia...l'Italia dei "cervelli fini" che scappano e dei "barucconi, scansafatiche, disonesti ed ignoranti", che restano.

Così, dopo che l'arbitro Rocchi ha "sputtanato" beatamente una partita di calcio, venendo anche retribuito per svolgere questa attività, che palesemente non sa fare (credete che verrà licenziato?, messo al rogo?, lapidato?, impalato? macchè, nulla di tutto questo!) ora se ne spunta fuori uno degli arbitri più corrotti della storia, un certo De Santis che richiede soldi per dei danni che avrebbe subito a causa di indagini illegali, che l’Inter avrebbe commissionato tra la fine del 2002 e il 2003. Un altro idiota, stile Vieri, che giornalacci come "rutto Sporc" sbandierano per fare notizia e lanciare "letame" sul rispettabilissimo nome dell'Inter, situazioni sulle quali la giustizia sportiva e penale si sono già pronunciate, ma che la stampa italo-gobba fatica a ricordare!

Ricordiamo semplicemente a voi tutti, le parole che disse e la successiva lettera di scuse, che De Santis scrisse alla famiglia Facchetti, ritirando tutte le affermazioni fatte in precedenza sul grande Giacinto:

"...avevo rapporti telefonici con Facchetti perchè avevo un ottimo rapporto con lui: si parlava, si telefonava, mi chiedeva determinate cose. Forse in qualche occasione si è andato oltre quello che poteva essere il lecito...". 

"Si tratta di una vicenda incresciosa: oggi non ripeterei quelle parole che non corrispondono per nulla al vero; con Facchetti avevo solo ed esclusivamente rapporti istituzionali ai quali eravamo tenuti nei rispettivi ruoli. Quelle frasi, di cui mi dolgo, sono false e gravi per l' offesa che hanno recato alla sua memoria, ovvero di una persona che non era coinvolta in qualsivoglia pratica illecita e che neppure era adusa a tenere comportamenti men che corretti. Mi dispiaccio di quelle parole per le quali mi scuso pubblicamente."

Naturalmente, nel luglio 2008, Marco Tronchetti Provera e Carlo Buora sono stati prosciolti e la loro posizione personale archiviata per quanto riguarda la presunta attività di spionaggio nel presunto caso Telecom. Che sia chiaro, l'Inter non ha mai fatto intercettare, ne tanto meno intercettato nessuno!

AeSse77 - InterCafè

1 commento:

  1. Flavio Morrone5 febbraio 2013 12:43

    Salve! Complimenti per il blog, davvero ben fatto! Poi a me piace particolarmente il calcio britannico quindi casco a fagiolo! Ho appena creato un blog sul calcio, il cui indirizzo è http://flaviomorrone.blogspot.com/. Mi farebbe piacere se mi passassi a trovare!

    RispondiElimina