mercoledì 30 maggio 2012

Due pesi, due misure


Il pm Di Martino, "autore" dell'inchiesta Last Bet
Ci siamo; l’avevamo detto qualche tempo fa ed era nell’aria da tempo: sono arrivati i primi provvedimenti “pesanti” a carico cioè di tesserati della Serie A e, come diceva un grande presentatore un po’ di anni fa, “non finisce mica qui” (Corrado). Qualcuno penserà che ci vogliamo scagliare contro Conte e sulla Juventus, visto l’orientamento del Blog; niente di più sbagliato. Prima di tutto perché questa volta (almeno) la Juve non c’entra un cavolo di niente, secondo perché la colpevolezza di Conte è da dimostrare, dal momento che per adesso si basa su accuse di un cosiddetto “pentito”. L’affidabilità e la credibilità di questi personaggi, così come lo loro accuse, sono infatti tutte da verificare, come nel caso dei pentiti di mafia o di altri tipi di criminalità, organizzata e non; la situazione va vagliata con serietà, scrupolosità e attenzione e solo dopo un’indagine, ci auguriamo seria ed accurata, si potranno esprimere dei giudizi un po’ più definitivi. Il fatto sul quale è nostra intenzione farvi rivolgere l’attenzione è ancora una volta la netta disparità di trattamento che i media hanno riservato alla Juve oggi e all’Inter quattro anni fa; non si tratta della solita “piangiuta” nella quale le altre tifoserie accusano noi interisti di rifugiarci troppo spesso, ma di una incontestabile e oggettiva analisi dei fatti. Sono mesi che circolano le voci su Conte, almeno da Febbraio, ma in questo caso i media hanno osservato fino a oggi il più religioso e rispettoso silenzio, riservando alla vicenda solo qualche trafiletto a fondo pagine nei giornali o telegrafiche e scarne parole nei vari TG delle testate sportive. Si è detto da più parti che non si voleva influenzare l’avvincente e tirata lotta per la conquista dello scudetto con notizie che potevano risultare destabilizzanti per l’ambiente di uno dei contendenti, a maggior ragione vista l’incertezza e l’equilibrio che aveva assunto la disputa. Ritengo la cosa tutto sommato anche abbastanza giusta, soprattutto perché i fatti eventualmente attribuibili a Conte risalgono al periodo in cui lui allenava il Siena e non era molto corretto che ad andarci di mezzo in questo caso fosse la Juve; ho detto abbastanza dal momento che Conte viene ritenuto un prodotto e un simbolo dell’ambiente Juve. Un simbolo nel bene quando i bianconeri hanno vinto il campionato, ma dovrà essere ritenuto tale anche nel male nel momento in cui le cose dovessero prendere una certa piega; questo sia ben chiaro fin da ora. Noi tifosi interisti avremmo voluto e avuto diritto però, non voglio dire nemmeno allo stesso riguardo, perché in quel caso fu addirittura montata in maniera assolutamente vergognosa una tanto assurda quanto falsa accusa a Mancini e ad alcuni giocatori nella settimana che precedette la partita a Parma assolutamente decisiva per l’assegnazione dello scudetto 2007/08. Vorrei a tale proposito proporvi uno stralcio sull’argomento dal mio libro “A tutta Inter”, terminato di scrivere esattamente due anni fa, nel quale si ripercorrevano le vicende di quei giorni. Inutile dirvi che, trattandosi di un libro regolarmente pubblicato da un Editore con tanto di codice ISBN, i fatti ivi descritti dovevano assolutamente essere supportati da fonti letterarie o giornalistiche facilmente citabili e reperibili, pena la possibilità di vedersi esposti ad eventuali azioni legali. 


"A Tutta Inter", il libro di Alex Trevisan
“Si faceva anche riferimento ad alcune intercettazioni nel corso delle quali si era sentito Mancini stesso a colloquio con Domenico Brescia, titolare di una sartoria vicino alla Pinetina nella quale si servivano sia la Società per le divise ufficiali, sia alcuni giocatori dell’Inter a titolo privato. Il ridicolo della faccenda è che con questo personaggio, indubbiamente tutt’altro che immacolato, avrebbe “trafficato” anche Javier Zanetti, il capitano, persona assolutamente integerrima sia sul campo che fuori, impegnato con la moglie nel sociale (come va di moda dire) avendo costituito la fondazione PUPI che si occupa di dare un aiuto e un futuro a bambini argentini orfani, altrimenti condannati a una brutta fine. Sentire parlare Zanetti di Ferrari 430 con un tipo simile mi sembra veramente assurdo oltre che ridicolo, magari di un Rolex Daytona ci sta già di più. Il problema è sempre lo stesso: qualcuno mi può anche telefonare offrendomi della droga, ma questo non fa di me un malavitoso o un tossicodipendente. Alla stampa non sembrò vero e in particolar modo al “Giornale” della famiglia Berlusconi che dai presunti contatti con questo personaggio ci costruì sopra un incredibile teorema secondo il quale alcuni giocatori dell’Inter avevano scommesso sulla vittoria del campionato 06/07, campionato che peraltro vinsero senza problemi, per cui chissà cosa ci si guadagnava a puntare sull’Inter; per di più c’è il dolo se punti contro te stesso e perdi apposta, non se punti sulla tua vittoria. Poi, cosa ancora più incredibile, era che avrebbero fatto lo stesso anche nell’anno successivo, facendo apposta a farsi avvicinare dalla Roma per fare rialzare le quote di una vittoria dell’Inter, per poi vincere nel secondo tempo dell’ultima partita inserendo Ibrahimovic e conquistare lo scudetto. Ovviamente era implicato anche Mancini che avrebbe orchestrato il tutto e avrebbe tenuto apposta fuori Ibra per due mesi per non vincere troppo in anticipo. Roba che neanche il miglior Hitchock sarebbe riuscito a inventarsi. Al motto di: “Chi di intercettazioni ferisce, di intercettazioni perisce” questa bella “robina” venne tirata fuori “ad hoc” tre giorni dopo la già citata disgraziata partita in casa col Siena e a quattro dalla partita decisiva a Parma, guarda caso dal giornale di proprietà della famiglia del Presidente del Milan che in quel campionato, nonostante fosse partito alla pari, non riuscì nemmeno a qualificarsi per la Champions League dell’anno successivo".
 

Conte è indagato per associazione a delinquere
Lo so, molti di voi obietteranno che non c’è nulla di nuovo in tutto questo, e nel particolare “riguardo” con il quale la nostra squadra viene trattata dai media, ma questo è un caso talmente eclatante che penso nemmeno il più feroce degli anti-interisti riuscirebbe a negare con argomentazioni che avessero un minimo requisito di decenza. Il clamore per il presunto coinvolgimento di un paio di giocatori della nazionale, uno dei quali ha già abbandonato il ritiro di Coverciano (Criscito), ha spinto poi il “vecchio” Trap a prodursi nel solito “pistolotto” moralistico su quanta credibilità stia perdendo all’estero il nostro calcio e la figura da mafiosi che stiamo facendo. Anche qui nulla di così nuovo, e mi chiedo d’altra parte che alta credibilità potrebbe avere il nostro calcio dal momento che la Federazione che dovrebbe disciplinarlo tollera tranquillamente che tutti i membri di una Società che partecipa ai suoi campionati facciano propri titoli da essa revocati e li espongano in pompa magna sia nello Stadio di proprietà sia in Sede, in barba all’articolo nr.1 del codice di Giustizia sportiva che impone alle società, dirigenti, atleti, tecnici, ufficiali di gara e ad ogni altro soggetto che svolge attività di carattere agonistico, tecnico, organizzativo, decisionale l’osservanza delle norme e degli atti federali. Perché, mi chiedo, quando tre anni fa era Mourinho a parlare di calcio italiano “malato” tutti a starnazzare e a berciare contro il portoghese al quale, come ospite nel nostro Paese e dato quello che guadagnava, si negava il diritto e la credibilità ad affrontare certi argomenti? Sì OK, tu puoi dire peste e corna del tuo Paese, ma se è uno straniero a esercitare il diritto anche a una piccola critica dà generalmente molto fastidio; peccato che il Mou avesse maledettamente ragione perché persona schietta e intelligente che argomentava su un mondo che conosce fin troppo bene. Anche in questo caso, due pesi e due misure.

Alex

32 commenti:

  1. Sergio Scieghi5 febbraio 2013 12:51

    Povera Inter sempre vittima... ridicolo

    RispondiElimina
  2. Tuasorellaquellatroia5 febbraio 2013 12:51

    Ma ammazzati pezzo di merda negroazzurro bastardo tu e quella squadra di ebrei e colerosi!!!!

    RispondiElimina
  3. Incredibile questi interisti , sembrate degli alieni , dovete fare come gli struzzi , mettere la testa nella sabbia per la vergogna , ricordate che la prescrizione non vuol dire essere innocenti ma vuol dire essere ingiudicati , massa di ignoranti. Le prove contro di voi c'erano eccome , ma ci ha pensato la giustizia ad orologeria a salvarvi. Due mesi per la Juve in B , 2 anni per salvare voi. Vergogna , state almeno zitti.

    RispondiElimina
  4. Prego i gestori del Blog di non cancellare queste due perle di commenti, ad imperituro ricordo dell'ignoranza e del becerume umano: si parlava di feroci anti-interisti e ne sono spuntati subito un paio. Cominciate a diventare un pò "nervosetti" amici juventini?

    RispondiElimina
  5. Il gobbo medio è l'esempio dell'ignoranza e del marcio che esiste nel nostro paese.... per fortuna IO SONO INTERISTA!

    RispondiElimina
  6. Sono basito: nel post non si parla nè di sentenze, nè di colpevolezze, tantomeno di Calciopoli. Anzi: si dice a chiare lettere che la Juve non c'entra un tubo e nessuno mette in discussione la regolarità del campionato appena vinto da essa. Si espongono solo in maniera assolutamente obiettiva fatti innegabili e documentabili. Risultato? Offese da codice penale e commenti che non stanno nè in cielo, nè in terra. Evidentemente qualcuno si aspetta già dove potrà andare a parare l'indagine e gli sono cominciate frequenti contrazioni dello sfintere anale. E come al solito la colpa è dell'Inter....Ma un pò di vergona, mai?

    RispondiElimina
  7. TIFO JUVE E DIO SOLO SA QUANTO.
    HO APPREZZATO TUTTA LA PRIMA PARTE DEL POST DI ALEX, DELLA QUALE NON CAMBIEREI UNA VIRGOLA, MA NON SONO DACCORDO SULLA SECONDA, OVVERO DELLA DISPARITA DI TRATTAMENTO AVUTA TRA JUVE ED INTER.
    NEL 2006 C'ERA UNA INTERCETTAZIONE TELEFONICA CHE PER CARITA ANDAVA MAGARI APPROFONDITA PRIMA DI RENDERLAPUBBLICA, MA QUI CI SONO LE PAROLE DI UN "PENTITO" CHE COME TANTI PUO ALZARSI LA MATTINA E FARE IL PRIMO NOME CHE GLI STA SULLE SCATOLE.
    NON CREDO CI SIA MOLTA DIFFERENZA CON QUANTO ACCADUTO CON LA JUVE ANZI, VORREI RICORDARE CHE NELLA SETTIMANA DI AVVICINAMENTO ALLA FINALE DI CI E' VENUTA FUORI LA DEPOSIZIONE DI CAROBBIO CHE A MIO PARERE HA DESTABILIZZATO UN PO L'AMBIENTE A 3 GG.DALLA FINALE.
    LA JUVE HA SUBITO UN MASSACRO MEDIATICO DAL 2006 AD OGGI FINO A SCOPRIRE CHE ALTRE SOCIETA, IN PRIMIS LA VOSTRA ERANO UGUALMENTE IMPLICATE E RESPONSABILI (ART.1 ED ART.6). RICORDO CHE NOI SIAMO FINITI IN B, MENTRE VOI ED IL MILAN AVETE FATTO QUELLO CHE AVETE VOLUTO SENZA SUBIRE NULLA, MA ERGENDOVI A VITTIME E NON VADO OLTRE.
    VORREI POI RISPONDERE AD Andrew_Wiles CHE CON DOVIZIA DI PARTICOLARI FA UN ELENCO DEI CALCIATORI JUVE, CHE FORSE NON HA MAI LETTO, ANZI NE SONO SICURO "IL TERZO INCOMODO - lE PESANTI VERITA' DI FERRUCCIO MAZZOLA" - BRADIPOLIBRI 2004.
    PRIMA DI SPUTARE SENTENZE SUGLI ALTRI E' BENE FARSI UN ESAME DI COSCIENZA
    CORDIALMENTE SALUTO

    RispondiElimina
  8. Beh dài Pavel; di un possibile coinvolgimento di Conte se ne parlava da mesi. Mi sembra che la finale di Coppa Italia l'abbiate persa perchè eravate un pò appagati e meno rabbiosi (in senso buono) che in campionato. Quella contro l'Inter a cui ho fatto riferimento fu un'invenzione totale sulla quale non ci furono elementi nemmeno per iniziare un'indagine; qui se Conte è stato accusato di associazione a delinquere non voglio dire che sia vero, assolutamente, ma devi riconoscere che un qualche elemento in più l'avranno avuto...o no? Su Calciopoli e sull'egualmente responsabili non rispondo perchè non voglio tornarci sopra per l'ennesima volta. Solo una cosa.
    Palazzi è un P.M. fa l'accusatore di mestiere: non può e non deve essere considerato un giudice. Poi ognuno ha diritto di avere il suo parere: voi vi tenete il vostro e noi il nostro, magari senza insultare facendo anche riferimenti razzisti (non tu eh, ovviamente).

    RispondiElimina
  9. I tifosi gobbi che ritengono l'Inter colpevole quanto la rube nel caso calciopoli soffrono di problemi di lucidità mentale e questo mi fa capire come sia possibile tifare per una squadra squallida e marcia come quella biancozozzonera!

    RispondiElimina
  10. Noi non "sputiamo" sentenze.
    Ci atteniamo a quelle già scritte.
    Come per il caso "doping" (e tralascio le altre perché l'argomento non è stato toccato).
    Per il resto, perché dovremmo prendere per buone le parole di Ferruccio Mazzola?
    Non vanno considerate alla stessa stregua di un "pentito CHE COME TANTI PUO ALZARSI LA MATTINA E FARE IL PRIMO NOME CHE GLI STA SULLE SCATOLE"?

    RispondiElimina
  11. Per fortuna Alex, ogni tanto ci sono persone civili che vengono a commentare esponendo comunque pareri differenti..è interessante comunque vedere come certi post risultino come miele per le api :)

    RispondiElimina
  12. SPIACENTE MA L'ABUSO DI FARMACI LECITI ALL'EPOCA NON ERA CONSIDERATO REATO.
    PIU SU POI HO DA DIRTI ALTRO TRANQUILLO

    RispondiElimina
  13. FORSE ANCHE DI PIU CONSIDERANDO CHE AVETE VIOLATO L'ART.6.
    MA A PAGARE SIAMO STATI SOLO NOI, VOI CHE PER BOCCA DEL VS.PRESIDENTE CONTINUATE A FARE LE VITTIME, VI SIETE AVVALSI DELLA PRESCRIZIONE, STRANO PER CHI SI RITIENE INNOCENTE E SO CHE ADESSO FARAI RIFERIMENTO AL DOPING, MA TI RIMANDO AL LIBRO COME SOPRA ED ALLE DICHIARAZIONI DI TRAVAGLIO DA VOI TANTO OSANNATO, COME TRA L'ALTRO PALAZZI QUANDO PARLA DI JUVE, MA SNOBBATO QUANDO DICE CHE L'INTER AVREBBE DOVUTO NON AVVALERSI DELLA PRESCRIZIONE E DIFENDERSI PER MOSTRARE LA PROPRIA INNOCENZA, IL CHE, PAROLE DI TRAVAGLIO, GETTA UN'OMBRA SULLA VS.POSIZIONE.

    RispondiElimina
  14. caro pavel.... L'INCASSO HANNO DOVUTO PIGNORARLO PERCHE' GLI AMICI INTERTRISTI NON VOLEVANO PAGARE QUANTO STABILITO DALLA SENTENZA!
    MORTI DI FAME! MA D'ALTRONDE DEVONO CAMBIARE 4 ALLENATORI ALL'ANNO....
    COME SE LA COLPA FOSSE SEMPRE DELL'ALLENATORE O .... DI ALTRI!

    RispondiElimina
  15. ...o merda per le mosche... ;D

    RispondiElimina
  16. A me...me pare na strunzata!!!

    RispondiElimina
  17. come dire...ripetitivo e stantio!

    RispondiElimina
  18. Neanche tu sembri essere informato, Barte.

    A tal proposito (e per renderti edotto in merito) ti riporto la dichiarazioni dell'avv. Alberto Foggia, difensore di F. Mazzola:

    " (...) Dopo la sentenza, le spese che ci avrebbero dovuto pagare, per quasi un anno non sono state liquidate né a me né al mio collega romano. A quel punto, nell’Ottobre scorso, ho fatto scattare l’istanza di pignoramento dell’incasso di San Siro per ottenere la cifra dovuta. Una volta notificato l’atto all’Inter, la società milanese si è immediatamente messa in contatto con me per pagare prima che scattasse il termine del pignoramento".

    Pertanto mai alcun incasso è stato pignorato, come erroneamente affermi.
    Ma sono certo tu sia in buona fede quando adoperi espressioni del tipo "morti di fame".

    RispondiElimina
  19. Per quanto riguarda il doping, invece, dovresti leggere attentamente il mio intervento in proposito, postato più sotto.

    RispondiElimina
  20. "SPIACENTE MA L'ABUSO DI FARMACI LECITI ALL'EPOCA NON ERA CONSIDERATO REATO."

    Se credi di venire qui, approfittando del fatto che in maniera democratica ti venga offerto spazio (ciò che non sempre accade sui siti gobbi dove spesso e volentieri sono stato vittima di censura solo per aver espresso educatamente e senza offendere alcuno, la mia opinione riguardo ai temi che venivano discussi; opinione in contrasto con quella degli affiliati) per esprimerti, e pensi di trovare gente impreparata e che ti è possibile buggerare solo raccontando quattro panzane (per usare un eufemismo), incorri in un errore madornale.


    Infatti sembrerebbe tu sia allegramente inconsapevole del fatto che il medico della juve (Agricola), su mandato dell'amministratore delegato (Giraudo), imbottiva i calciatori di "sostanze vietate" come i "corticosteroidi", e anche di FARMACI NON VIETATI, ma somministrati ad atleti sani per potenziarne il rendimento, "in modo pericoloso per la salute".

    Ora, somministrare ad atleti sani farmaci atti a potenziarne le loro prestazioni in campo è (ed era) considerato reato (nella fattispecie: frode sportiva) poiché tale pratica viola (e violava) la legge che tutela "la regolarità e la correttezza delle competizioni, poste in pericolo dalla sleale alterazione chimica delle prestazioni".

    Per la genuinità delle classifiche, insomma.

    Non ti fa bene l'aria che si respira qui, Barte.
    Non ce li metti i fichi a due la lira.

    RispondiElimina
  21. Non sei molto informato, Pavel.
    Vedrò di esserti utile.

    Il responso del Giudice non condanna l'Inter, nel senso che conferma le dichiarazioni di Ferruccio Mazzola.

    Tale responso si limita (e non potrebbe essere altrimenti) a giudicare non meritevoli di risarcimento danni alcune affermazioni che, in ogni caso, non sono dimostrabili.

    Nel ricordare poi avvenimenti di oltre 50 anni fa, sarebbe oppurtuno precisare che lo stesso Ferruccio Mazzola ha affermato che largo uso di quelle sostanze facevano anche altre squadre.

    Si ricordi, inoltre, che la medicina sportiva, solo nell'ultimo ventennio ha vietato molte sostanze considerate dopanti per cui, all'epoca, esistevano integratori o farmaci che potevano essere assunti anche se oggi sarebbero vietati.

    Quando si parla di doping, bisogna anche rendersi conto che le normative di 50 anni fa non avevano nulla a che fare con quelle attuali.

    Quelle, per intenderci, secondo le quali Giraudo e Agricola sono stati ritenuti colpevoli di frode sportiva.

    RispondiElimina
  22. certo certo che le avete pagate perche altrimenti il pignoramento era del dobbio della cifra pattuita gnurant! dopo un anno dall'intimazione a pagare avete versato!
    e solo perche sotto atto di pignoramento
    ma credo che tu non conosca bene le procedura carissimo!

    RispondiElimina
  23. Cadi sempre nello stesso errore, Pavel.
    Te lo ripeto ancora una volta, e speriamo sia l'ultima.
    Non esiste alcuna Sentenza che parla di prescrizione al riguardo dell'Inter.
    Esiste soltanto il PARERE di un Procuratore Federale.
    Parere assolutamente strumentale in quanto coinvolge una persona deceduta riguardo alla quale sarebbe stato impossibile procedere poiché, come saprai, la morte estingue il reato (se di reato si trattava).

    La conosci la differenza tra una SENTENZA di un Tribunale dello Stato e il PARERE (SOLTANTO ED UNICAMENTE IL PARERE!!!) di un Procuratore Federale (l'equivalente della Pubblica Accusa in un processo penale)?

    Sarebbe il caso ti documentassi.
    Non fosse altro che per evitare di venire qui ed essere smentito punto per punto.
    Non ci fai una bella figura...!!!

    RispondiElimina
  24. CARO ANDREW, VOGLIO SEGUIRE LA LINEA CONDOTTA DA ALEX, NON VOGLIO RITORNARE SULLE STESSE COSE, MA CONSENTIMI CON ASSOLUTA TRANQUILLITA DI DIRTI CHE PER QUEL LIBRO, E SONO CERTO CHE ALEX QUESTO LO SA, FACCHETTI E MORATTI SPORSERO DENUNCIA PER DIFFAMAZIONE. SAI QUAL E' STATO IL VERDETTO? CAUSA PERSA E PARTE DELL'INCASSO DI UNA PARTITA A SAN SIRO USATA PER PAGARE FERRUCCIO MAZZOLA LE CUI DICHIARAZIONI MOLTO DETTAGLIATE, FURONO RITENUTE DAL GIUDICE VERE E NON FRUTTO DI INVENZIONE. ORA NON DICO QUESTO PER PUNTARE IL DITO SU QUALCUNO, MA SOLO PER FARTI NOTARE CHE OGNUNO HA SCHELETRI NELL'ARMADIO, E NON HA SENSO DIRE TU NEI HAI PIU DEI MIEI, PERCHE IL CALCIO ESISTE DA OLTRE 100 ANNI E DIO SOLO SA QUANTE NEFANDEZZE SONO STATE FATTE DA PRESIDENTI, ASSOCIATI E CALCIATORI E NON TUTTI VESTIVANO BIANCONERO JUVE. RICORDALO. SALUTI

    RispondiElimina
  25. La Sentenza sul doping della Suprema Corte parla di reato appurato ma prescritto.
    L'abuso di farmaci leciti ha configurato il reato di frode sportiva.
    Queste sono assolute verità.
    Vai a rileggerti la Sentenza.
    Non c'è peggior sordo di chi non vuol sentire.
    Solo ora capisco che è inutile parlare con te.
    Tanto, come tutti i gobbi, credi soltanto a quegli allucinati di ju29ro.

    RispondiElimina
  26. A proposito, adesso, dopo la conquista della terza stella (di cui ancora non si parla negli atti e nei comunicati della Federazione), come si chiameranno: ju30ro?

    RispondiElimina
  27. Cari Andrea, Antonio, Sergio, Entius e anche il nuovo acquisto Ska: scusate ma mai e poi mai avrei pensato di suscitare un tale vespaio dal momento che certi argomenti non li avevo neppure sfiorati. La mia intenzione era solo ed esclusivamente quella di sottolineare la differenza di trattamento da parte dei media fra due situazioni che mi sembra assolutamente evidente: ve lo garantisco. Evidentemente, come dicevi tu Antonio, il solo sfiorare certi argomenti attrae certa gente come mosche al miele (e non solo, come dice Sergio); e le mosche, si sa, non ragionano molto bene ed evidentemente, un pò di puzza della sostanza citata da Sergio forse cominciano a sentirla. Vorrei estrarre anch'io dallo sciame uno come Pavel che ha ovviamente idee diverse dalle nostre, ma le espone in maniera civile. Poi francamente è stata tirata in ballo roba di 40 anni fa o giù di lì e che non c'entra nulla con i media....mi sembra un pò eccessivo oltre che fuori luogo. Vorrei solo capire per quale cacchio di motivo l'Inter avrebbe dovuto rinunciare alla prescrizione: per farsi massacrare da gente che non distingue un P.M. da un Giudice? E su quale base avrebbe potuto difendersi, dal momento che l'eventuale principale imputato era nel frattempo deceduto? Sempre volendosi limitare a temi puramente procedurali perchè, come ho già detto, nel merito non voglio più tornare.

    RispondiElimina
  28. Caro Alex,
    pur essendo vero che "certi argomenti" non li abbiamo tirati fuori noi ma i nostri (più o meno) educati interlocutori, ti chiedo: che avremmo dovuto fare a fronte di tante "inesattezze" (eufemismo)?
    Si è preferito rispondere (in maniera puntuale e documentata, mi sembra) e questa, senza ombra di dubbio, è parsa la scelta giusta.
    A presto

    RispondiElimina
  29. Fammi capire: prima dici che hanno pignorato, ora ti smentisci dicendo che hanno pagato.
    Faresti bene a metterti d'accordo con te stesso prima di scrivere qualcosa ed il contrario di essa dopo qualche ora.
    Per quello che riguarda il "dobbio", ho mica capito, sai, cosa intendi dire...

    RispondiElimina
  30. no caro vedo che non capisci....
    la sentenza sul doping parla chiaro....assolti....
    poi se vuoi travisare la realtà sono affari tuoi (d'altronde per voi recoba era comunitario....)l
    l'altra accusa era solo abuso di farmaci leciti e ti ribadisco che all'epoca non c'era nessuna legge o articoletto che lo vietasse! dopo è stato modificato il regolamento.
    ma sicuramente tu sei uno di quelli che pensa che la juve non debba fare la champions quest'anno giusto?
    che tristezza fate

    RispondiElimina
  31. La Commissione Disciplinare nazionale, presieduta da Sergio Artico, ha emesso questa sera le prime sentenze relative al filone del calcio scommesse avviato dopo i deferimenti della Procura federale, che vede in aula i rappresentanti di 22 società e 61 persone fisiche. Al termine della prima udienza, svoltasi presso l’ex Ostello della Gioventù al Foro Italico, sono state accolte le istanze di patteggiamento proposte da 7 club e da 16 tesserati, preventivamente concordate con la Procura federale e illustrate in aula dal Procuratore Stefano Palazzi.....http://www.figc.it/it/204/32371/2012/05/News.shtml

    RispondiElimina
  32. Alex, non preoccuparti, mica è colpa tua! eheheh. Più che altro hai fatto bene a sottolineare come, persone come PAVEL, siano sempre ben accette nei commenti del nostro blog, perchè anche se di fede ed idee diverse dalle nostre, le espone civilmente e con la giusta idea di accendere un dibattito intellettualmente onesto e corretto. Sugli altri invece non commento neppure tanta è la fuffa che hanno tirato in ballo e la maleducazione con cui si sono posti!

    RispondiElimina