domenica 15 gennaio 2012

Milan-Inter 0-1: torna il Principe e il Milan s'inchina alla difesa nerazzurra!

L'attesa era tanta, ma alla fine il derby ha dato il suo responso: l'Inter batte il Milan in una sfida difficile, tattica, chiusa. C'era più paura di perdere che voglia di vincere forse, da parte di entrambe le squadre e alla fine l'ha spuntata chi è stato in grado di difendersi meglio, ovvero i nerazzurri. La squadra di Ranieri ha difeso con ordine, senza mai scoprirsi, rischiando quasi nulla nei novanta minuti e colpendo in contropiede con un grandissimo Milito.

Primo Tempo - Le squadre si studiano principalmente, ma è il Milan a prendere in mano il pallino del gioco, facendo girare bene palla senza comunque trovare sbocchi. Al quinto minuto però è l'Inter a colpire: calcio di punizione dalla destra di Maicon, Thiago Motta svetta sopra tutti ed insacca, ma Orsato annulla. In realtà il gol era regolare, ma poco da fare. La successiva mezzora è del Milan che cerca di bucare la difesa nerazzurra, ma la prova di Samuel e Lucio è davvero imperiosa. Prima Pato, poi Boateng ed infine Ibra, con una sua magia, cercano di portare in vantaggio la squadra di Allegri, ma ancora una volta l'occasione capita all'Inter: primo affondo sulla sinistra di Nagatomo, buon cross, la palla finisce nei piedi di Alvarez che, incredibilmente sbaglia, calciando in bocca ad Abbiati. Negli ultimi minuti si accende la partita, le squadre sono più lunghe ed il Milan colpisce una traversa con Van Bommel, sulla cui ribattuta si coordina benissimo Emanuelson, ma Julio Cesar c'è.
Secondo Tempo - Parte di nuovo forte il Milan, ma Ibrahimovic è troppo lontano dall'area e Pato non colpisce. Cambiasso fa da diga, Zanetti dà sempre fiato alla squadra, mentre Milito e Pazzini provano a farsi vedere, con scarsi risultati...fino a quando parte il contropiede: il Capitano si lancia in avanti, cerca Milito, ma la palla è corta e va verso Abate che, incredibilmente, cicca, lasciando campo aperto al Principe che entra in area e di sinistro fa partire un diagonale pazzesco, che bacia il palo ed entra in porta. Un gol da vero bomber, da grande goleador, da Re di Madrid insomma. Uno a zero, un gol che pesa come un macigno per noi e soprattutto per il morale del Milan, che ha ancora più di mezzora per recuperare, ma va in tilt. Ha fretta la squadra di Allegri, che imbottisce di attaccanti la formazione, ma sbaglia tanto e, soprattutto, l'organizzazione difensiva data da Ranieri all'Inter è perfetta. Si trema, ma non si sbanda e così fino al novantatresimo quando, finalmente, Orsato fischia la fine.

Il Milan si deve inchinare all'Inter e al ritorno del Principe, perdendo per strada punti importantissimi nella lotta scudetto. E noi? Che dire, le cose si mettono decisamente bene visti i risultati di oggi, sei punti dalla vetta non sono impossibili da recuperare, bisogna continuare a lottare. Stasera non abbiamo giocato bene, abbiamo giocato però con intelligenza, attendendo il Milan e cercando di ripartire, cosa riuscita perfettamente nei secondi quarantacinque minuti. Grandissimi Lucio, Samuel, Zanetti e Milito. Per chi non c'è piaciuto aspettiamo, ora è il momento di festeggiare perchè Milano torna a vestirsi di nerazzurro finalmente. CHI NON SALTA ROSSONERO E'!

TABELLINO

MILAN-INTER 0-1


Marcatori: 9′ st Milito.

Milan: 32 Abbiati; 20 Abate, 13 Nesta, 33 Thiago Silva, 19 Zambrotta (21′ st Robinho); 27 Boateng, 4 Van Bommel, 22 Nocerino (35′ st Seedorf); 28 Emanuelson; 7 Pato (38′ st El Shaarawy), 11 Ibrahimovic. A disposizione: 1 Amelia, 5 Mexes, 23 Ambrosini, 25 Bonera.
Allenatore: Massimiliano Allegri.


Inter: 1 Julio Cesar; 13 Maicon, 6 Lucio, 25 Samuel, 55 Nagatomo; 4 Zanetti, 8 Thiago Motta, 19 Cambiasso, 11 Alvarez (22′ st Chivu); 22 Milito (31′ st Sneijder), 7 Pazzini (45′ st Forlan). A disposizione: 12 Castellazzi, 20 Obi, 23 Ranocchia, 37 Faraoni.
Allenatore: Claudio Ranieri.


Arbitro: Daniele Orsato (sez.arbitrale di Schio). Note. Ammoniti: 19′ st Nagatomo, 23′ st Nesta, 44′ st Thiago Motta, 47′ st El Shaarawy. Tempi di recupero: 2′-3′

Andrea - Inter Cafè

13 commenti:

  1. Sì scusate ragazzi: felice ero felice e lo sono tuttora, ci mancherebbe. I tre commenti sono partiti perchè il sistema non me li visualizzava e ho provato tre volte dal momento che ero convinto di aver fatto qualche manovra sbagliata. Con 'sto DISCUS non è che mi trovi benissimo a dire la verità, ma oggi va bene tutto: FORZA INTER !

    RispondiElimina
  2. Ciao a tutti. Beh il calcio a volte è imprevedibile ed è proprio il suo bello; altrimenti che gusto ci sarebbe se fosse già tutto scritto? Chi l'avrebbe detto un paio di mesi fa che saremmo arrivati dove siamo ora? Poi ha ragione il mister: dobbiamo fare ancora tantissimo, ma quello che abbiamo fatto è già parecchio. Grazie a Dio un giocatore di 33 anni che gioca con due
    ginocchia semisfasciate, è ancora uno dei migliori al mondo, se sta bene. E con il brasiliano che se si limita a presidiare la difesa costituisce con lui la migliore coppia di centrali del mondo. Ranieri ha capito che bisognava ripartire di lì, perchè se prendi sempre due-tre gol a partita di gare ne vinci poche. Poi sembra sia finita la "macumba" del post-Madrid e Milito è tornato "El Principe del Bernal". Non poteva essersi dimenticato d'un colpo come si gioca e come si segna. Era una questione sia di testa che di gambe: speriamo vivamente che i problemi siano definitivamente alle spalle e che torni il giocatore che ci aveva deliziato due anni fa. Io al posto di Ranieri avrei fatto altri cambi, ma alla fine ha avuto ragione lui; quindi: Viva Ranieri! Sono contento di essermi sbagliato su Orsato, buona direzione anche perchè aiutato dai giocatori: in compenso non mi sono sbagliato sui suoi guardalinee. Un ultima nota: hanno detto che non è stato un bel Derby, ed è vero: ma vogliamo smetterla in nome del dio denaro di mandare in campo della gente nel Nord Italia tra Dicembre e Febbraio alle nove di sera? Il campo era una lastra di ghiaccio, cazzo: non è possibile! Per concludere un abbraccio a Sergio: è un piacere leggerti di nuovo!

    RispondiElimina
  3. Ciao a tutti. Beh il calcio a volte è imprevedibile ed è proprio il suo bello; altrimenti che gusto ci sarebbe se fosse già tutto scritto? Chi l'avrebbe detto un paio di mesi fa che saremmo arrivati dove siamo ora? Poi ha ragione il mister: dobbiamo fare ancora tantissimo, ma quello che abbiamo fatto è già parecchio. Grazie a Dio un giocatore di 33 anni che gioca con due
    ginocchia semisfasciate, è ancora uno dei migliori al mondo, se sta bene. E con il brasiliano che se si limita a presidiare la difesa costituisce con lui la migliore coppia di centrali del mondo. Ranieri ha capito che bisognava ripartire di lì, perchè se prendi sempre due-tre gol a partita di gare ne vinci poche. Poi sembra sia finita la "macumba" del post-Madrid e Milito è tornato "El Principe del Bernal". Non poteva essersi dimenticato d'un colpo come si gioca e come si segna. Era una questione sia di testa che di gambe: speriamo vivamente che i problemi siano definitivamente alle spalle e che torni il giocatore che ci aveva deliziato due anni fa. Io al posto di Ranieri avrei fatto altri cambi, ma alla fine ha avuto ragione lui; quindi: Viva Ranieri! Sono contento di essermi sbagliato su Orsato, buona direzione anche perchè aiutato dai giocatori: in compenso non mi sono sbagliato sui suoi guardalinee. Un ultima nota: hanno detto che non è stato un bel Derby, ed è vero: ma vogliamo smetterla in nome del dio denaro di mandare in campo della gente nel Nord Italia tra Dicembre e Febbraio alle nove di sera? Il campo era una lastra di ghiaccio, cazzo: non è possibile! Per concludere un abbraccio a Sergio: è un piacere leggerti di nuovo!

    RispondiElimina
  4. Finalmente ho goduto....ero in astinenza da troppo tempo ;D l'Inter sembra aver capito che è meglio sfruttare i mezzi che si hanno invece di credere di essere ciò che ormai non si è più...ed ecco che con difesa arcigna, un pò di culo (che non guasta mai) e spirito di sacrificio, arriva una vittoria estremamente importante! Bravi ragazzi! Ciao :D

    RispondiElimina
  5. Un abbraccio nerazzurro Sergio! ;)

    RispondiElimina
  6. Un abbraccio amico mio :D

    RispondiElimina
  7. Era li che si doveva lavorare, Ranieri l'ha fatto ed ecco i risultati: la difesa è tornata ad essere il fulcro di tutto. Mi dispiace un pò per Pazzini, vederlo sgomitare così solitario là davanti mette quasi tristezza, ma del resto per ora i mezzi sono questi e essere in grado di difendersi così bene ed ordinatamente per novanta minuti ed essere sempre pronti a ripartire, beh, è molto positivo. Torniamo a vincere un derby e la gioia è immensa! I padroni di Milano tornano dove gli spetta :)

    RispondiElimina
  8. Ciao Antonio, girare a meno sei dalla vetta, magari scavalcando la Lazio in classifica non sarebbe male...direi che visto come stava andando..è quasi un miracolo ;D

    RispondiElimina
  9. Buongiorno ragazzi. :)
    Sto ancora godendo come un riccio. Partita non troppo esaltante ma grande risultato che da morale e finalmente ci spinge verso le zone calde della classifica. Sperare in qualcosa ora non è più un sacrilegio. Crediamoci.

    Un saluto nerazzurro. :)

    LeNny.

    RispondiElimina
  10. Ciao a tutti. Beh il calcio a volte è imprevedibile ed è proprio il suo bello; altrimenti che gusto ci sarebbe se fosse già tutto scritto? Chi l'avrebbe detto un paio di mesi fa che saremmo arrivati dove siamo ora? Poi ha ragione il mister: dobbiamo fare ancora tantissimo, ma quello che abbiamo fatto è già parecchio. Grazie a Dio un giocatore di 33 anni che gioca con due
    ginocchia semisfasciate, è ancora uno dei migliori al mondo, se sta bene. E con il brasiliano che se si limita a presidiare la difesa costituisce con lui la migliore coppia di centrali del mondo. Ranieri ha capito che bisognava ripartire di lì, perchè se prendi sempre due-tre gol a partita di gare ne vinci poche. Poi sembra sia finita la "macumba" del post-Madrid e Milito è tornato "El Principe del Bernal". Non poteva essersi dimenticato d'un colpo come si gioca e come si segna. Era una questione sia di testa che di gambe: speriamo vivamente che i problemi siano definitivamente alle spalle e che torni il giocatore che ci aveva deliziato due anni fa. Io al posto di Ranieri avrei fatto altri cambi, ma alla fine ha avuto ragione lui; quindi: Viva Ranieri! Sono contento di essermi sbagliato su Orsato, buona direzione anche perchè aiutato dai giocatori: in compenso non mi sono sbagliato sui suoi guardalinee. Un ultima nota: hanno detto che non è stato un bel Derby, ed è vero: ma vogliamo smetterla in nome del dio denaro di mandare in campo della gente nel Nord Italia tra Dicembre e Febbraio alle nove di sera? Il campo era una lastra di ghiaccio, cazzo: non è possibile! Per concludere un abbraccio a Sergio: è un piacere leggerti di nuovo!

    RispondiElimina
  11. Ciao Lenny! Si, la prestazione non è stata esaltante dal punto di vista offensivo, ma difensivamente parlando, beh, siamo stati perfetti! Adesso, se torna Sneijder a buoni livelli, e si riesce a sviluppare meglio il gioco sulle fasce, possiamo fare bene. Non è più un sacrilegio, hai ragione, quindi avanti così!

    RispondiElimina
  12. Grazie Alex :D oggi non potevo esimermi direi :D un abbraccio

    RispondiElimina
  13. Eri talmente felice che si sono partiti tre commenti Alex ahahah! A parte gli scherzi, dobbiamo essere felici, è stata una vittoria moralmente e materialmente FONDAMENTALE! Ranieri ha avuto un pregio: capire che lì dietro, con un pò di ordine e di organizzazione, siamo ancora i migliori. Ieri s'è visto. Certo, Ibra, Pato e compagnia bella sono stati davvero poca roba, però va detto che il merito è anche del nostro sistema difensivo perfetto. Orsato secondo me avrebbe dovuto tirare fuori qualche cartellino in più (anche contro i nostri), ha rischiato di perdere di mano la partita se i giocatori fossero stati meno corretti, ma per fortuna è andata così ed in geenrale ha arbitrato comunque bene. Sul freddo, hai ragione, ieri si gelava qui a Milano, te lo assicuro! I rischi infortuni sono tantissimi, ma purtroppo i denari fanno gola, tanta gola.....

    RispondiElimina